Una giornata al parco archeologico di Cuma

architettura romana tempio di Giove Cuma

“Non c’è nulla di più fragile dell’equilibrio dei bei luoghi.”
Marguerite Yourcenar

 

Eccomi finalmente con un post tutto dedicato alla mia bellissima Campania. Più precisamente siamo nella zona dei Campi Flegrei (Campi Ardenti) che, per chi non lo sapesse, altro non è che un’enorme caldera “addormentata” (esattamente come il Yellowstone National Park negli States).

Un vero e proprio supervulcano noto sin dai tempi antichi per la sua esuberante attività.

Vista di una piccola parte dei Campi Flegrei

In particolare, oggi vi porto con me a Cuma, antichissima colonia ellenica della Magna Grecia fondata intorno al 740 a.C. (o secondo alcune fonti anche prima) e conquistata poi dai romani divenendo un punto strategico per le attività militari e commerciali dell’impero. Il parco archeologico si erge infatti su di un bellissimo promontorio a picco sul mare regalando una visuale perfetta di tutto il territorio circostante.

Devo dirvelo, la vista che si ha affacciandosi dal promontorio di Cuma è una delle mie preferite in assoluto. Ci si ritrova immersi in piena epoca greco/romana, si percorre un sentiero ricco di vegetazione e tutto in salita fino in cima alla collina e si sente in lontananza il rumore del mare che chiama!

Nelle giornate migliori è possibile scorgere nitidamente le isole di Ischia e Procida, ma anche le più lontane isole Pontine. Questo giusto per rendervi l’idea del panorama di cui si gode da lassù.

Vista su Ischia e Procida dal belvedere di Cuma


Varrebbe la visita anche solo per questo, ma c’è molto di più! Ad attendervi troverete un meraviglioso parco archeologico ricco di cose da vedere.

Avrete sicuramente sentito parlare per esempio della Sibilla Cumana, sacerdotessa devota ad Apollo, figura mitica e ricca di fascino nominata anche nell’Eneide di Virgilio. Bene, la tradizione vuole che ella svolgesse la sua attività oracolare presso il cosiddetto “Antro della Sibilla” collocato proprio presso l’acropoli di Cuma.

Ancora oggi l’Antro rappresenta una delle attrazioni turistiche di maggior interesse del parco, anche se in realtà gli studiosi attribuiscono la sua costruzione a scopi difensivi.

L’ingresso del celebre Antro della Sibilla

Attualmente sono visitabili e fanno sempre parte dell’acropoli anche i resti del tempio di Giove e del tempio di Apollo.

Tempio di Giove

Tempio di Apollo


Per raggiungere i due templi e quindi la sommità del promontorio è necessario percorrere la via Sacra, un sentiero molto piacevole da percorrere e che regala un tappeto di foglie che riprende i colori del foliage in quasi tutti i periodi dell’anno (ebbene si, non solo in autunno).



Tra il piazzale dell’Antro della Sibilla e l’inizio della via Sacra è possibile imboccare anche un’altra galleria che prende il nome di Crypta Romana, letteralmente scavata nel tufo e che serviva a collegare la colonia con il mare e l’allora porto di Cuma.

La parete di tufo della Crypta Romana


Oltre all’acropoli situata sul promontorio, esiste anche la città bassa con i resti del Foro , di un anfiteatro e delle terme ed era la parte della città in cui si  svolgeva la vita di tutti i giorni.

La città bassa

Oltre al parco archeologico è possibile visitare anche la Foresta Regionale di Cuma collocata proprio a ridosso del promontorio e della quale fa parte la celebre Silva Gallinaria, duna ricca di macchia mediterranea ed alberi di leccio ed una delle meglio conservate al mondo (ma di questo vi parlerò in un’altra occasione perché è un argomento che merita un post a sé).

La Silva Gallinaria

Purtroppo la zona non è ben collegata ed è davvero difficile raggiungerla con i mezzi pubblici , dunque consiglio di arrivarci con un mezzo di trasporto personale oppure appoggiandosi ad uno dei tanti bus turistici a pagamento messi a disposizione da molte agenzie di viaggi.

Il biglietto di ingresso è di soli 4 euro ed il parco è aperto dalle 9 del mattino fino ad un’ora prima del tramonto (questo dettaglio è davvero romantico secondo me). Lo stesso biglietto, valido due giorni, vi permetterà di visitare anche il Museo Archeologico dei Campi Flegrei, il Parco Archeologico di Baia, il Serapeo e l’imperdibile Anfiteatro Flavio di Pozzuoli (il quarto più grande in Italia). Tutto questo alla simbolica cifra di 4 euro!!

E se ancora non vi basta sappiate che il sito rientra nell’iniziativa ministeriale dei musei gratis ogni prima domenica del mese (iniziativa valida per tutti i musei,  i parchi e le aree archeologiche statali presenti in Italia).

Se non ci siete già stati vi consiglio davvero di fare un salto a Cuma, non ve ne pentirete!!

E’ un posto incredibile e davvero unico a pochi passi dalla città. Personalmente io ci torno ogni volta che mi è possibile, è proprio uno di quei luoghi a cui sento di appartenere. Adoro passeggiare lungo la via Sacra e respirare tutta quella Storia.

E quella vista poi! Dai ne vogliamo parlare?!

Davvero da non perdere!


Update: Cuma Express, il treno dei Campi Flegrei

Importantissimo update che non potevo non fare.

Non potevo non farlo perché da sempre racconto con un occhio di riguardo i Campi Flegrei.

E da sempre parlo di quanto essi paghino il fatto di essere poco collegati con il centro, di quanto sia difficoltoso per i visitatori raggiungere i siti di maggior interesse (che credetemi, sono tantissimi).

Ma l’aria sta cambiando.

Ed è così che nasce il Cuma Express, un treno che, grazie alle sue tappe, permetterà a tutti di poter finalmente visitare il Parco Archeologico dei Campi Flegrei nella sua totalità.

Biglietto unico, collegamenti rapidi e partenza dal centro storico di Napoli (precisamente dalla stazione di Montesanto), dal 1 luglio al 30 settembre 2018 non ci saranno più scuse per visitare la Terra del Mito.

Con lo stesso biglietto, nella stessa giornata, sarà possibile salire e scendere dal treno a proprio piacimento.

Il servizio per il momento sarà attivo solo le domeniche e i festivi, ma speriamo che nel futuro possa essere garantito tutti i giorni.

Il progetto si riallaccia a quello del Campania Express (attivo già tutte le domeniche dell’anno e del quale vi parlerò presto) volto a collegare i maggiori siti storico-archeologici della Regione.

Speriamo si continui così a favore del turismo in Campania, un luogo che ha tanto, tantissimo da dare.

ORARI

 

TARIFFE

*Fonte sito EAV

Una giornata al parco archeologico di Cuma was last modified: settembre 19th, 2018 by Melissa De Pasquale

14 Risposte a “Una giornata al parco archeologico di Cuma”

  1. cinzia mauro dice: Rispondi

    siii…io l’ho visitato meraviglioso…grazie per questi “scorci” veramente stupendi…….

    1. Melissa De Pasquale dice: Rispondi

      Grazie a te x aver letto il post! Da tornarci il prima possibile comunque!

  2. Mi dai sognare….di essere li.

    1. Melissa De Pasquale dice: Rispondi

      Che belle parole!! Appena torni in Italia ci andiamo insieme!

  3. Francesco Soranno dice: Rispondi

    CUMA | ottima descrizione di uno dei luoghi più incantevoli e spettacolari dei Campi Flegrei… grazie per l’opportunità

    1. Melissa De Pasquale dice: Rispondi

      Grazie mille a te x aver letto il post e visitato il blog! È un vero piacere averti qui! Alla prossima!

  4. Che bello..e cosi interessante, decisamente da visitare grazie Melissa

    1. Melissa De Pasquale dice: Rispondi

      Grazie mille! E grazie a te x aver letto il post! Consiglio davvero di visitare Cuma perchè davvero un posto bellissimo e ancora troppo poco conosciuto!

  5. Fiorella Mesfun dice: Rispondi

    Spettacolo!Non lo ricordavo cosi bello!!Assolutamente da rivisitare!

    1. Melissa De Pasquale dice: Rispondi

      Si ne vale davvero la pena!! Una vera e propria meraviglia a pochi passi da noi!

  6. Sandra Corsi dice: Rispondi

    Il mio luogo del cuore preferito
    Napoletana a Roma quindi ancora più apprezzato questo articolo.
    Grazie per aver condiviso tanta Bellezza

    1. Melissa De Pasquale dice: Rispondi

      Ti capisco perfettamente! Anche x me è uno dei posti del cuore! E non deve essere facile essere lontani dalla propria città!
      Grazie di essere passata sul blog! Benvenuta!

  7. La nostra Terra grande !!!bellissimo articolo,
    Continua cosi e vienici a visitare , presto!!!
    Big up

    1. Melissa De Pasquale dice: Rispondi

      Grazie mille!!

Lascia un commento


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Privacy Policy - Cookies Policy


error:

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi