Oh my Paestum: itinerari archeologici in Campania

parco-archeologico-di-paestum

 

“…come templi sopravvissuti

e memorie di una città una volta magnifica.”

J. Goethe (Paestum, 1787)


Un po’ di tempo fa sono stata Paestum, chi segue le mie Instagram Stories se ne sarà accorto.

Perché ne parlo solo adesso? Perché quando ne avrei voluto parlare è uscito fuori un incipit così lungo che ha dato vita ad un altro post (che potete leggere qui) a cui ho dovuto dare la precedenza perché avevo bisogno di mettere in chiaro alcune cose.

Non è un periodo facile, ma già lo sapete.

Il mondo online non mi piace, mi ha deluso ancor di più di quanto credessi, ma già sapete anche questo.

Ma Paestum, Paestum merita di esser raccontata.

Inizio col dirvi che non c’ero mai stata. Mai! Neppure con la scuola da bambina e ricordo che questo mi portava molta frustrazione perché non capivo come mai tutte le classi ci andassero tranne la mia.

Così l’ho desiderata per anni, l’ho immaginata, l’ho sognata.

Non trovavo mai nessuno disposto ad accompagnarmi, così sapere cos’ho fatto? In una calda mattina autunnale, mi sono svegliata, ho preso la mia auto e mi sono messa in viaggio da sola.

Sì, da sola.

Perché a volte, se ci fermiamo ad aspettare gli altri, passa una vita.

E se c’è una cosa che ho imparato negli ultimi anni è che ciò che più scarseggia nella nostra vita è il tempo.

Di tempo non ne abbiamo, quindi se vogliamo fare una cosa facciamola oggi.

Domani avremo sicuramente qualcosa di nuovo all’orizzonte e il giorno dopo qualcosa di nuovo ancora.

Quindi eccomi in auto, con il mio cd preferito in sottofondo a farmi compagnia e via!

Direzione Paestum!



Appena arrivata sono rimasta senza fiato.

Un cliché lo so.

Il Parco Archeologico è così grande, così maestoso. Non me l’aspettavo.

O forse sì!

Ma parcheggiare l’auto, voltarsi e trovarsi d’avanti templi e rovine di una civiltà lontana, ma ancora così presente, fa sempre il suo grande effetto!

Per un attimo ho dimenticato di essere in Campania (senza offesa) e mi sono sentita catapultata in Grecia, in una delle culle della civiltà.

Questi luoghi in passato, non per niente, erano parte di quel territorio della penisola italiana noto con il nome di Magna Grecia.

Eppure si tratta della Campania, della penisola italiana, che troppo stesso viene snobbata in favore di mete lontane ed è un gran peccato.

E’ un gran peccato perché ha così tanto da offrire: tracce vivissime di molteplici civiltà, culture, tradizioni, che si intrecciano e si snodano attraverso millenni di storia arrivando fino ai nostri giorni.

Arrivando fino a noi, custodi spessi distratti di un patrimonio inestimabile e, lasciatemelo dire, unico al mondo.

Nessun luogo al mondo è come l’Italia, nessun luogo al mondo è in grado di regalarvi eccellenze per ogni periodo storico, per ogni secolo, per ogni movimento artistico-culturale.

E per quanto il mondo sia bello tutto, per quanto sia giusto andare anche lontano, io preferisco sempre la nostra penisola e non mi sentirei fiera di piantare bandierine in giro per il mondo quando poi della mia terra non conosco nulla o quasi.

E quando mi dicono che il bello del viaggio è incontrare nuove culture, io rispondo che anche spostandosi in Italia è possibile!

Un’Italia di regni, signorie, comuni, città-stato.

L’Italia dei greci, dei romani, degli etruschi, dei sanniti.

L’Italia dalle mille culture e dai mille popoli che nel tempo hanno saputo realizzare opere grandiose, lasciando un segno visibile ancora oggi, come a Paestum.

IL TEMPIO DI HERA

Andare da sola a visitare il parco archeologico di Paestum è stata una grande idea.

Ho avuto la calma e la tranquillità per godermi la giornata al meglio, piano piano come piace a me.

Il primo tempio che ho visitato è stato quello di Hera, erroneamente conosciuto come Basilica di Paestum.

L’errore deriva dalla struttura arcaica del tempio che ne ha fatto confondere lo scopo per molto tempo. Si tratta invece di un tempio di ordine dorico (il più antico tra i tre ordini architettonici tipici della civiltà greca) risalente al 550 a.C. circa e dedicato ad Era, sovrana dell’Olimpo, dea della fertilità e protettrice del matrimonio.

Tempio di Hera
Tempio di Hera, interno
Collarino del capitello dorico arricchito con decorazioni floreali, particolare del Tempio di Hera

IL TEMPIO DI NETTUNO

Il secondo tempio visitato è stato quello di Nettuno.

Anche qui però il nome ci porta in inganno.

Si tratta del più grande e maestoso dei templi di Paestum e siccome per i greci la città prendeva il nome di Poseidonia, in onore appunto del dio del mare Poseidone, per secoli gli studiosi hanno dato per scontato che il tempio centrale fosse dedicato proprio a questa divinità protettrice della città.

Molto più probabile, invece, che esso sia dedicato sempre ad Era o addirittura ad Apollo o Zeus.

In questo caso si tratta di un tempio costruito con due tipi diversi di travertino (caratteristica che pare abbia reso la struttura antisismica sottolineando la competenza degli architetti dell’epoca) e sempre di ordine dorico.

Risalente al 460 a.C. circa, è ad oggi uno dei templi meglio conservati di tutta la Magna Grecia.

Tempio di Nettuno


LA VIA SACRA

Tipica di tutte le antiche città greche e romane, anche al parco archeologico di Paestum troviamo la cosiddetta via Sacra, utilizzata anche per processioni e riti religiosi, che attraversa tutta l’area collegando le diverse zone.

Nell’antica Poseidonia non troveremo solo i templi, ma anche i resti di quartieri abitativi (tra cui grandi strutture signorili come la Domus con piscina), il foro dalla forma rettangolare e rivisitazione dell’agorà greca presente in precedenza, l’anfiteatro risalente al 50 a.C. ed uno dei più antichi del suo genere, la cinta muraria quasi completamente conservata (raggiunge quasi i 5 chilometri di lunghezza) e il museo all’interno del quale è possibile trovare reperti provenienti dall’area circostante il parco archeologico ( tra cui la lastra tombale affrescata nota come Tomba del Tuffatore, un esempio unico di pittura greca di età classica).

La via Sacra ed i suoi tipici blocchi di calcare

La Domus con piscina
L’anfiteatro

IL TEMPIO DI ATENA

Un po’ più distaccato dagli altri, nella parte alta della città, sorge il tempio di Atena noto anche come tempio di Cerere.

E’ il più piccolo dei tre ed è l’unico non visitabile all’interno, forse a causa del suo attuale stato di conservazione.

Risale al 500 a.C. circa e anche qui siamo d’avanti ad un tempio di ordine dorico, ma si tratta di una struttura particolare e con alcune caratteristiche interessanti che lo rendono unico.

Tra tutti il suo frontone alto e la presenza di capitelli di ordine dorico e ionico insieme, (questi ultimi custoditi all’interno dell’adiacente museo e i più antichi rinvenuti in Italia).

Tempio di Athena


E così partendo dall’età antica, passando per il Rinascimento fino al XVII e XVIII secolo e alla sua grande riscoperta (quando divenne tappa fissa del mio tanto amato Grand Tour), Paestum è stato ed è l’esempio lampante di come l’Italia riservi sorprese ad ogni angolo.

Millenni di storia che si susseguono e che ci regalano attraverso civiltà differenti testimonianze di un passato grandioso e del quale troppo spesso ci dimentichiamo (o sottovalutiamo).

Il parco archeologico è visitabile dalle 8:30 alle 19:30 e con soli 9 euro è possibile accedere sia all’area dei templi che al museo. Con il biglietto cumulativo di 10 euro è possibile aggiungere alla lista anche il parco archeologico di Velia, poco distante e di grande interesse.

Se vi trovate da quelle parti vi consiglio, infine anche una visita alle necropoli situate subito fuori le mura di Paestum (tra cui quella della civiltà del Gaudo), il santuario di Hera alla foce del Sele (non è sempre aperto al pubblico, quindi assicuratevi che lo sia prima della vostra visita) e il sentiero degli Argonauti, una passeggiata imperdibile che porta dai templi fino al mare attraversando il decumano maggiore di Paestum , la Porta Marina, un tratto di oasi dunale (con una pineta che si trasforma via via in macchia mediterranea) fino a raggiungere l’antica spiaggia della città. Il sentiero ha una durata di circa 2 ore e vi darà modo di scoprire una Paestum inedita.

Io non ho fatto in tempo a visitare queste ultime meraviglie e quindi inutile dire che ci tornerò presto!

(E mentre scrivo, ecco uscire la classifica delle regioni e dei musei italiani più visitati del 2017. Con immenso orgoglio, la Campania si classifica al secondo posto e proprio il parco archeologico di Paestum si piazza al quindicesimo, a riprova del grande lavoro svolto fino ad ora dal direttore Gabriel Zuchtriegel ed il suo team. In classifica tra i primi 30 musei italiani anche Pompei, la Reggia di Caserta, il Museo Archeologico di Napoli, Ercolano, la Grotta Azzurra di Capri e il Museo di Capodimonte. Visitiamo l’Italia amici, visitiamo i #museitaliani).

 

Oh my Paestum: itinerari archeologici in Campania was last modified: giugno 12th, 2018 by Melissa De Pasquale

6 Risposte a “Oh my Paestum: itinerari archeologici in Campania”

  1. Bellissimo….la maestosità di questo luogo, la bellezza e la cura del parco sono un orgoglio nazionale. Grazie Melissa

    1. Verissimo! Il parco è tenuto magnificamente, così come la zona ed il borgo circostante.
      Una grande e giusta attenzione verso un luogo che meritava da tempo la giusta attenzione.
      Il giovanissimo direttore Gabriel Zuchtriegel ed il suo team stanno facendo un lavoro eccellente ed enorme, quindi un grande grazie va a loro!
      Io ho solo avuto l’onore di poter raccontare di un parco archeologico unico, di un patrimonio culturale che non può che renderci tutti orgogliosi!

  2. Condividiamo la stessa grande passione per Paestum 😊 e complimenti per il blog

    1. Ciao Gabriel,
      beh come non amare Paestum!
      Nonvedo l’ora di tornarci.
      Grazie mille per i complimenti e benvenuto.
      Alla prossima

  3. Complimementi…fotografo spesso Paestum e ne sono innamorato anche attraverso qualche libro di Archeologia che ne evidenza le pagine della riscoperta, qualcosa più di 200 anni fa, ma mi sono incantato a leggerti…una summa perfetta delle peculiarità archeologico del luogo e del fascino che emana…Grazie!

    1. Ciao Angelo, che bello leggere che sei così appassionato di questo luogo!!
      È stata la mia prima volta a Paestum e, che dire, me ne sono innamorata. Così ricca di storia, si respira un’aria eterna ed unica.
      Sono felice di sapere che il mio post ti sia piaciuto, grazie a te davvero per averlo letto e per le belle parole (mi lusingano)!
      Benvenuto e a presto!

Lascia un commento


This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.